Lettera del Presidente

logo SISPEC

Cari Colleghi, cari Soci,

in qualità di presidente della SISPEC (Società Italiana per lo Studio del Piede e Caviglia), ho innanzitutto il gradito compito di rivolgere un saluto cordiale, caloroso ed amichevole a tutti ed un particolare ringraziamento a coloro che hanno posto la loro fiducia nella mia persona.

La carica di cui sono stato insignito mi gratifica sul piano personale e professionale pur nella consapevolezza che gli oneri che ne derivano saranno particolarmente gravosi, lasciando presagire un utilizzo scrupoloso delle risorse disponibili ed una attenta pianificazione temporale per una gestione efficiente e responsabile. Cercherò di non deludervi, dedicando ogni sforzo a favorire lo sviluppo scientifico della cultura “ piede” ad ampio raggio. Sento peraltro il bisogno di rivolgermi direttamente a ciascun Socio per condividere alcune fondamentali azioni che, con il supporto di un Consiglio Direttivo altamente qualificato e rappresentativo, intendo fortemente sviluppare nell’arco dei prossimi 2 anni.

In primo luogo, sarà necessario tradurre l’elevata qualità scientifica della nostra Società, in un’azione molto incisiva sulla gestione delle patologie del piede a 360 gradi. Questo risultato si può raggiungere, con una partecipazione attiva e consapevole di ciascun socio sul proprio territorio, coadiuvato dalla Società che lo affiancherà nelle varie iniziative con interventi per raggiungere gli obiettivi prefissati.
La prima cosa pianificata, concorde il consiglio direttivo, è stata quella di chiedere la affiliazione della SISPEC a livello europeo, per dimostrare a tutti che siamo aperti ad una cultura scientifica oltre Alpi.

Altro obiettivo è quello di porre a confronto, in forma interdisciplinare, vari metodi di cura tra professionisti del settore medico e tecnico che ,in particolare, si interessano di piede: podologi , tecnici ortopedici, fisioterapisti, chinesiologi, osteopati ecc. , costituendo ed organizzando seminari, convegni ,forum Nazionali ecc..
Stiamo pianificando, sia in Italia sia all’estero, corsi base, medio, ed avanzati di cadaver lab che verranno affidati ad esperti di fama internazionale che ci assisteranno alla divulgazione di tecniche chirurgiche conosciute come le minime incisioni, le tecniche osteotomiche, quelle artroscopiche, protesiche ecc.  La programmazione di questi eventi verrà fornita nei prossimi mesi.  Abbiamo già due centri di ricerca in Italia che si sono messi a disposizione dei soci per realizzare idee innovative su nuovi materiali come pure strumentazioni, protesi, apparecchi ecc. per la cura del piede.
Daremo spazio soprattutto ai giovani, con possibilità di discutere su piattaforma web ed anche in sede congressuale casi particolari al fine di trovare la soluzione ottimale del quesito presentato.

Il mio auspicio, infatti, è che la SISPEC possa sempre più favorire importanti momenti di aggiornamento scientifico e professionale e, possibilmente, anche la nascita di progetti di ricerca clinica, di percorsi assistenziali integrati e di collaborazioni, che mettano insieme le identità professionali di ciascuno.  Sarà gradito quindi ogni tipo di apporto che vorrete dare per la crescita della nostra Società e per il successo dei nostri prossimi eventi.

Spero che questa lettera possa testimoniare l’impegno del mio mandato che deve e dovrà necessariamente primeggiare per contenuti, iniziative ed obiettivi.

Con cordialità